Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Italiani. Cultura e Made in Italy nei fotoritratti di Maria Mulas

Data:

01/06/2022


Italiani. Cultura e Made in Italy nei fotoritratti di Maria Mulas

Curatore: Andrea Tomasetig

Dopo la mostra “Obiettivo Milano” nel 2017 (Milano, Palazzo Morando) Maria Mulas, la grande fotografa ritrattista del Novecento, presenta a Bratislava al Museo Nazionale Slovacco una sua selezione di lavori che va dagli anni Settanta al Duemila.

Sono ritratti di artisti, galleristi, critici, designer, architetti, stilisti, scrittori, editori, giornalisti, registi, attori, intellettuali, imprenditori, amici, spesso personaggi leggendari e conosciuti in tutto il mondo come Giorgio Armani, Gianni Versace, Miuccia Prada, Krizia, Ottavio Missoni, Federico Fellini, Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Umberto Eco, Alberto Moravia, Gio Ponti, Bruno Munari e Alberto Burri.

Le immagini provengono tutte dall’archivio di Maria Mulas, creato in quasi cinquant’anni di attività e composto da oltre 19.000 fotografie e da circa 200.000 negativi e diapositive.

I ritratti, che documentano una stagione straordinaria nel campo del design, della moda, dell’editoria, del cinema e di tante altre arti, sono accompagnati da una breve biografia critica a cura di Paolo Fallai, scrittore e autorevole giornalista del “Corriere della Sera”.

La mostra, curata da Andrea Tomasetig, è una delle iniziative di maggior rilievo della 15ª edizione del festival italiano in Slovacchia “Dolce Vitaj”.

Maria Mulas, nata a Manerba del Garda nel 1935, si trasferisce a Milano nel 1956 dove inizia la sua attività di pittrice e fotografa. La fotografia, attività di famiglia già praticata dal celebre fratello maggiore Ugo Mulas, rimarrà il suo mezzo di espressione definitivo. Tra il 1965 e il 1976 realizza soprattutto fotografie di teatro e ritratti di artisti e intellettuali conosciuti nell'ambiente frequentato da lei e dal fratello.

Del 1976 è la sua la prima esposizione personale presso la galleria Il Diaframma di Milano. Vengono esposti una serie di ritratti di artisti e attori di quegli anni. Nel 1977 riprende a Kassel una delle performance storiche dell'artista Marina Abramović e nel 1990, durante la Biennale di Venezia, l'artista Jeff Koons con Ilona Staller.

Tra i personaggi internazionali catturati dal suo obiettivo vi sono anche Andy Warhol, Louise Bourgeois, Joseph Beuys, Sonia Delaunay, Meret Oppenheim, Bob Wilson, Anish Kapoor, Allen Ginsberg, Günter Grass, Jorge Luis Borges, Christo, Robert Rauschenberg, Roy Lichtenstein, Jasper Johns, Keith Haring, Paloma Picasso e altri.

Ha esposto in sedi prestigiose in Italia e all’estero e sue fotografie si trovano nelle collezioni di importanti musei.

"Chi è stato fotografato anche soltanto una volta da Maria Mulas non ricorda soltanto di essere stato fissato da una macchina fotografica. Ricorda di essere stato guardato dagli occhi di Maria Mulas. Ricorda, magari, anche qualche parola che ha scambiato con lei. In qualche modo, ogni ritratto di Maria Mulas è anche un effetto di amicizia. È questo, forse, che ne definisce la qualità." Emilio Tadini, pittore e scrittore

Informazioni

Data: Da Mer 1 Giu 2022 a Mer 28 Set 2022

Orario: Dalle 10:00 alle 18:00

Organizzato da : IIC Bratislava, SNM Bratislava

In collaborazione con : Archivio Mulas, Galleria Tomasetig - Milano

Ingresso : A pagamento


Luogo:

SNM, Vajanského nábr. 2, Bratislava

1323