Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Emma Dante: La scortecata

Data:

06/06/2018


Emma Dante: La scortecata

Spettacolo teatrale con la regia di Emma Dante, presentato per la prima volta, nel 2017, al 60° Festival dei Due Mondi di Spoleto

testo e regia: Emma Dante

con: Salvatore D’Onofrio, Carmine Maringola

scena e costumi: Emma Dante

luci: Cristian Zucaro

liberamente tratto da Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile

Emma Dante - autrice, attrice, regista teatrale e cinematografica. Quattro Premi Ubu, un Premio Scenario, un Golden Gral. Emma Dante è una delle più significative autrici di teatro contemporaneo emersa in Italia negli ultimi anni. Esplora il tema della famiglia e dell'emarginazione attraverso una poetica di tensione e follia nella quale non manca una punta di umorismo.

Per questa nuova produzione, la regista palermitana, affiancata dai suoi eccezionali interpreti, incontra la scrittura barocca di Giambattista Basile, de Lo cunto de li cunti. Giambattista Basile, nel XVII secolo, in quell’opera aveva creato un mondo affascinante e sofisticato partendo dal basso. Il dialetto napoletano dei suoi personaggi, nutrito di espressioni gergali, proverbi e invettive popolari, produceva modi e forme espressamente teatrali tra lazzi della commedia dell’arte e dialoghi shakespeariani.

La scortecata è una frenesia di travestimenti e magia, di ironia e gioco, ma sfiora anche un tragico, ineluttabile, lato oscuro, come in ogni favola. Emma Dante a proposito di questo spettacolo dice: «In una scena vuota, dalla narrazione in terza persona fino all’immedesimazione con i personaggi, tre uomini, a cui sono affidati anche i ruoli femminili, come nella tradizione del teatro settecentesco, drammatizzano la fiaba incarnando i protagonisti di questa storia, due vecchie e il re. Umorismo, volgarità, paura, saranno gli elementi principali di questa fiaba rivolta a tutti coloro che, nella vita, sono riusciti ad invecchiare senza diventare adulti».

Salvatore D’Onofrio (1951) Ha lavorato a lungo a Napoli con LiberaScenaEnsenble con la quale ha portato in scena lavori con la regia di Renato Carpentieri, Lello Serao, Giuliana Pisano. A teatro è stato tra i protagonisti degli spettacoli Cani di bancata, Verso Medea e Io, Nessuno e Polifemo di Emma Dante, Dora Pais Show e Il Grande Dandi Giuliana Pisano, e Se non ci sono altre domande di Paolo Virzì. Al cinema ha lavorato in Certi bambini dei fratelli Frazzi, Il divo di Paolo Sorrentino, Fortapasc di Marco Risi, I Milionari di Alessandro Piva.

Carmine Maringola (1974) Nato a Portici, in provincia di Napoli, laureatosi in architettura all’Università degli studi di Napoli Federico II, alterna la sua attività di attore a quella di scenografo, vivendo l’esperienza teatrale nella sua totalità. Tra il 1994 e il 2001 partecipa a varie produzioni sia con il Living Theatre che con il gruppo di sperimentazione napoletano Tutuguri. Nel 2003 si trasferisce a Palermo dove lavora come attore per la compagnia del teatro Lelio. Nel 2005 incontra Emma Dante ed entra a far parte della compagnia Sud Costa Occidentale in qualità di attore, scenografo e fotografo.

Cristian Zucaro (1969) Nato a Torino, durante gli studi s’interessa di teatro. Nei primi anni ‘90 si forma con la compagnia Laboratorio Teatro Settimo diretta da Gabriele Vacis, focalizzando l’attenzione sull’uso della luce. Dal 2000 avvia un’intensa collaborazione con Emma Dante, realizzando i disegni luce per i suoi spettacoli di teatro e lirica e curandone la direzione tecnica. Lavora per diverse compagnie di rilievo nazionale negli ambiti del teatro di prosa, della lirica e danza. Tra le ultime collaborazioni, quelle con Franco Maresco e Balletto Civile.

PREVENDITA BIGLIETTI: navstevnik.sk 

Informazioni

Data: Mer 6 Giu 2018

Orario: Alle 19:30

Organizzato da : IIC Bratislava

In collaborazione con : Teatro Nazionale Slovacco

Ingresso : A pagamento


Luogo:

Štúdio SND, Pribinova 1 Bratislava

1073